Verso l’Internazionalizzazione: Strumenti Digitali in Valigia

[fa icon="calendar"] 09/03/18 12.17 / da ILARIA COLLA

ILARIA COLLA

tecniche-internazionalizzazione.jpg

Se vuoi espandere il tuo business oltre confine e trovare clienti all’estero devi prepararti ad affrontare il viaggio nel modo migliore. Sei pronto a partire?

Ecco la check-list per internazionalizzare la tua impresa e le competenze che dovresti mettere in una ideale valigia prima di partire in direzione del tuo mercato obiettivo.

1. La Destinazione 

Scegliere la meta ideale per il tuo business è complesso. La meta giusta è quella dove c’è un reale interesse nei confronti dei tuoi prodotti e servizi, perciò va scelta con attenzione.

Nel marketing internazionale si chiama “mercato obiettivo” ed è il paese o la zona geografica capace di assicurarti le migliori performance. La scelta del giusto mercato su cui espandersi e dei canali di distribuzione migliori è il risultato di un’analisi dettagliata e di una valutazione accurata. 

Una volta individuato il mercato e il target, è necessario predisporre una strategia di comunicazione e marketing con un doppio obiettivo: far conoscere la tua azienda e i tuoi prodotti/servizi e attirare nuovi potenziali clienti interessati all'acquisto. 
Per farlo hai bisogno di alcuni strumenti basilari da mettere, metaforicamente, nel tuo bagaglio.

 

2. Cose da Mettere in Valigia

Cosa devi portare con te, nel viaggio verso l’internazionalizzazione della tua impresa?
Per riuscire comunicare in modo efficace la tua offerta e catturare l'attenzione dei tuoi buyer, è necessario predisporre una serie di strumenti digitali strategici
.

  • Sito Web aziendale multilingua 

Parlare la stessa lingua dei tuoi clienti è fondamentale, per farsi comprendere. Lo è nelle transazioni d’affari così come nella comunicazione digitale. 

Per vendere nei mercati internazionali è necessario dotarsi di un sito web con cui presentare l’azienda, i prodotti e i servizi, che sia declinato anche nella lingua del mercato obiettivo. 

La traduzione dei contenuti, così come delle parole chiave con cui posizionarsi sui motori di ricerca, va affidata a degli esperti che conoscono, oltre al lessico, anche la cultura del paese di destinazione.

Attenzione, perchè spesso non si tratta di una semplice traduzione dei contenuti italiani, ma di una geolocalizzazione degli stessi: può essere necessario semplificare l'offerta, oppure proporla in modo diverso. 

  • Presenza sui Social Network (quelli giusti per il tuo target e adatti al mercato obiettivo)

Connettersi con i potenziali clienti oggi è più facile, grazie ai social network. Questi strumenti possono aiutarti a entrare in relazione con il tuo target e ampliare il tuo pubblico. 

Attenzione, però, a scegliere i canali giusti con cui comunicare. È vero che quasi 2 miliardi di persone si connettono ogni mese a Facebook, ma il social network di Mark Zuckerberg non è utilizzato allo stesso modo in tutto il mondo.

Se vuoi esportare in Cina, ad esempio, sappi che Google, Facebook e Twitter sono molto limitati, di conseguenza meglio preferire portali come WeChat o Qzone.

La scelta dei canali social dipende poi ovviamente anche dal target e dall'obiettivo: LinkedIn ad esempio è una piattaforma meno "social" nel senso stretto del termine ma efficace per le aziende B2B; Facebook è al contrario un canale perfetto per colpire il consumer. Da considerare sempre la necessità di fare investimenti pubblicitari per promuovere i propri post e dare visibilità alla pagina, aumentando le possibilità di contatto da parte dei potenziali clienti.  

  • Attività di Email Marketing (Newsletter)

Se vuoi aumentare le vendite anche all'estero, tra gli strumenti di marketing più utili c'è l'email. 

Gli esperti di web marketing confermano che l’attività di DEM (Direct Email Marketing) è uno degli strumenti più efficaci per raggiungere utenti realmente interessati ai tuoi prodotti. 

Prevedi, quindi, all’interno del tuo sito la possibilità di iscriversi alla Newsletter in cambio di news e offerte, per raccogliere una mailing list di contatti che potranno trasformarsi in veri e propri clienti. 

Mantieni con loro dei rapporti stabili, inviando comunicazioni periodiche, secondo un calendario editoriale che definisce target, contenuti e tempi.
Diversamente dai profili sui social, tutti abbiamo un’e-mail e la leggiamo quasi ogni giorno. Essere autorizzati ad inviare un messaggio di posta elettronica equivale a poter entrare nel salotto dei potenziali clienti per presentare i nostri prodotti/servizi. È quindi buona prassi essere chiari ed efficaci, facendo leva sui reali interessi del target.

 

3. Decidi chi Portare con Te

Perché viaggiare da soli, quando ci si può far accompagnare da un professionista dell’internazionalizzazione?

Il Temporary Export Specialist è la figura ideale a cui rivolgersi se vuoi espandere il tuo mercato oltre i confini nazionali. Il TES® è un manager a tempo che ha tutte le competenze (linguistiche, tecnologiche ed economiche), l’esperienza e le capacità per traghettare la tua azienda verso un business internazionale di successo.

Grazie a un approccio scientifico e rigoroso e ad una pianificazione strategica personalizzata sulle tue esigenze, il TES saprà guidarti nei mercati internazionali.

 

Scopri come il Temporary Export Specialist può aiutarti a vendere all’estero, raggiungendo un numero sempre maggiore di clienti. Scarica subito la Guida gratuita all’internazionalizzazione della tua impresa.

 scarica la guida come vendere all estero

Categorie: Come Vendere all'Estero

ILARIA COLLA

Scritto da ILARIA COLLA

RESP. COMUNICAZIONE & MARKETING - Si occupa della comunicazione online e offline, definendo le azioni e i progetti e monitorando l’attuazione dei piani strategici di marketing, volti a raggiungere gli obiettivi commerciali e di awareness. È responsabile di una Business Unit interna che si occupa dell’ideazione e sviluppo di strumenti di comunicazione per l’export delle PMI.