Strategie di internazionalizzazione, gli errori più frequenti

[fa icon="calendar"] 29/11/17 12.15 / da MASSIMO LENTSCH

MASSIMO LENTSCH

Strategie-di-internazionalizzazione--gli-errori-frequenti.jpg

Per molti imprenditori fare export vuol dire semplicemente vendere i propri prodotti in un mercato diverso da quello italiano. Spesso dietro a queste operazioni di marketing non ci sono strategie di internazionalizzazione mirate e di conseguenza le decisioni prese potrebbero rivelarsi rischiose per l’azienda, invece che creare opportunità di espansione. Ecco quali sono gli aspetti da valutare per vendere all’estero, senza commettere errori.

Il tuo prodotto è internazionalizzabile?

Per vendere nei mercati internazionali bisogna avere il prodotto giusto. Una forte incidenza dei costi di trasporto o un basso contenuto tecnologico possono influenzare negativamente la buona riuscita delle operazioni di export, facendoti sprecare tempo e risorse preziose.

Ecco perché è fondamentale, prima di elaborare una strategia di internazionalizzazione, valutare il prodotto da esportare, chiedersi se e dove questo è effettivamente richiesto e quanto è conveniente spingerlo sui mercati stranieri. 

 

La tua azienda è pronta per vendere all’estero?

La scelta di intraprendere un processo di internazionalizzazione non deve essere dettata solo dalla volontà di aumentare il fatturato. Internazionalizzarsi vuol dire anche confrontarsi con competitor di caratura globale, e per farlo serve il giusto approccio. 

Per avviare un export di successo devi prima capire se:

  • la tua azienda è strutturata in maniera adeguata
  • dispone delle risorse finanziarie sufficienti per investire e farsi conoscere all’estero
  • è in grado di fornire da subito il materiale tecnico/commerciale necessario (company profile, cataloghi in lingua, sito web tradotto…)
  • al tuo fianco c’è un team di esperti, con adeguate competenze in ambito socio-economico, linguistico e di marketing

In questo modo puoi puntare a espandere la tua attività nei mercati esteri con azioni commerciali organizzate e continuative, di sicuro successo.

 

Hai scelto i mercati più performanti?

Sapere dove orientare le proprie strategie di business all’estero è fondamentale, ma non bisogna farsi guidare solo dall’emotività. 

Nella scelta del paese in cui vendere i propri prodotti è importante tener conto dei desiderata del cliente, ma anche delle reali potenzialità di espansione. Non basta conoscere la lingua nativa o affidarsi al “sentito dire”. Per individuare i giusti mercati obiettivo, quei paesi cioè in cui vale la pena investire per una strategia di internazionalizzazione vincente, serve un’attenta analisi di tipo economico, sociale e linguistico. 

Scopri quali sono i migliori mercati per vendere i tuoi prodotti all’estero grazie al nostro tool.

 

Come ti relazioni con i mercati stranieri?

Molte aziende sbagliano perché si approcciano ai mercati esteri con la stessa mentalità che adottano per i clienti italiani. Ogni paese ha le sue abitudini, le sue tradizioni, la sua cultura e questi fattori vanno tenuti in considerazione quando si decide di puntare al commercio estero.

Non conoscere la lingua o la mentalità dei paesi in cui si decide di espandersi è pericoloso, in particolar modo quando si valicano i confini europei e si affrontano realtà come la Cina, la Russia o il Medio-Oriente.

 

No all’export fai-da-te! 

Un altro degli errori più comuni è quello di non affidarsi a dei professionisti dell’export.
Molte aziende credono che per espandersi all’estero basti copiare le mosse e le strategie di internazionalizzazione dei competitor o delle imprese conosciute. 

È praticamente impossibile che questa operazione porti a dei risultati concreti e positivi, perché ogni strategia export è studiata specificatamente per quell’azienda, non solo in base al tipo di prodotto esportato ma anche in base alle caratteristiche interne e alle possibilità finanziarie. 

Se vuoi esportare con successo devi affidarti a un Temporary Export Specialist, capace di elaborare una strategia di internazionalizzazione customizzata per la tua azienda. Un consulente preparato e qualificato è in grado di farti entrare nei mercati esteri in maniera stabile e strutturata. Ecco quali sono le caratteristiche che ti permettono di identificare il miglior consulente export.

Per fortuna il mondo dell’export è pieno di storie a lieto fine: leggi le testimonianze di chi ce l’ha fatta!

Scarica la Guida “Come vendere all’estero” e scopri come progettare una strategia di internazionalizzazione vincente. All’interno del PDF troverai le esperienze dirette di aziende e imprenditori che sono riusciti a concretizzare il loro sogno e ad esportare con successo.

Come vendere all estero

Categorie: Internazionalizzazione

MASSIMO LENTSCH

Scritto da MASSIMO LENTSCH

FONDATORE E AMMINISTRATORE DELEGATO - Fondatore di Co.Mark, è ideatore della formula del Temporary Export Management per supportare le PMI nello sviluppo commerciale sui mercati internazionali. Laureato in Sociologia Economica, offre le proprie conoscenze e competenze anche come formatore e consulente, collaborando in modo stretto con camere di commercio e istituzioni italiane. Nel 2016 ha pubblicato il libro “I manovali del marketing internazionale. Tecniche di Temporary Export Management per le PMI”.